Tu sei qui: Home Altro passo in avanti per riportare la Caserma dei Carabinieri

Altro passo in avanti per riportare la Caserma dei Carabinieri

Affidata la progettazione esecutiva per avviare la ristrutturazione della palazzina ex sede Enel. Lavori previsti in autunno

Palazzo comunale Roccastrada

Il ritorno della Caserma dei Carabinieri a Roccastrada compie un altro passo decisivo in avanti. Nei giorni scorsi il Comune ha affidato la progettazione esecutiva per la ristrutturazione della palazzina ex sede Enel di proprietà comunale, in via del Pino, che dovrà essere consegnata entro il mese di giugno e getterà le basi per avviare i lavori, previsti in autunno. Lo studio professionale incaricato sarà anche responsabile per la direzione dei lavori, il coordinamento per la sicurezza e la redazione del certificato di regolare esecuzione. 

L’investimento. L’intervento prevede un investimento complessivo di circa 250 mila euro, ripartito fra lavori edilizi, strutture e rifacimento di impianti termici ed elettrici, e sarà supportato da un mutuo acceso dal Comune di Roccastrada. La spesa a carico dell’amministrazione comunale sarà, poi, coperta dall’affitto che i Carabinieri sosterranno sulla base dell’accordo raggiunto nei mesi scorsi fra Comune di Roccastrada e Prefettura di Grosseto quale rappresentante sul territorio del Ministero dell'Interno competente per l'accasermamento dei Carabinieri. 

“L’affidamento della progettazione esecutiva - afferma Francesco Limatola, sindaco di Roccastrada - segna un concreto passo in avanti per la ristrutturazione dell’edificio che ospiterà la Caserma dei Carabinieri riportando, finalmente, l’Arma a Roccastrada. A rendere possibile questo ritorno è stata la collaborazione interistituzionale che ha unito il Comune, la Prefettura di Grosseto e il Comando provinciale dei Carabinieri di Grosseto permettendo di trovare una soluzione a una vicenda annosa e di garantire un maggior presidio delle forze dell’ordine sul territorio. La collaborazione fra i diversi soggetti accompagnerà anche il progetto esecutivo, che dovrà recepirà le modifiche richieste negli ultimi mesi dai Carabinieri rispetto al progetto definitivo, confermando la volontà comune di portare avanti un intervento atteso e capace di rispondere al meglio alle esigenze del territorio e dell’Arma”. 

Azioni sul documento