Tu sei qui: Home Da Siena alla Maremma in bicicletta passando per Roccastrada. Al via lo studio di fattibilità

Da Siena alla Maremma in bicicletta passando per Roccastrada. Al via lo studio di fattibilità

Il Comune maremmano coinvolto nel progetto per una ciclovia lungo il vecchio tracciato ferroviario Asciano-Monte Antico. L’assessore Rabazzi: “Opportunità da cogliere per valorizzare il nostro territorio attraverso forme di mobilità dolce”

Roccastrada

Dalla provincia di Siena alla Maremma in bicicletta, pedalando lungo la tratta ferroviaria Asciano - Monte Antico. E’ quanto prevede il progetto ‘Treno - ciclovia Asciano - Monte Antico’, che coinvolge anche il Comune di Roccastrada nello studio di fattibilità basato sul protocollo d’intesa approvato nei giorni scorsi dal consiglio comunale roccastradino e siglato da Regione Toscana, Provincia di Siena e i Comuni di Siena, Asciano, Castiglione d’Orcia, Montalcino, San Giovanni d’Asso, Sinalunga, Trequanda, Civitella Paganico e Roccastrada. Il progetto prevede anche un collegamento con la Ciclovia sulla costa tirrenica, altra iniziativa sostenuta dalla Regione Toscana per incentivare forme di mobilità dolce.  

“Il progetto - spiega Emiliano Rabazzi, assessore alle politiche ambientali e culturali e al marketing territoriale - prevede la realizzazione di un percorso ciclabile lungo il tracciato ferroviario Asciano - Monte Antico, da tempo sospeso e utilizzato solo per brevi periodi dell’anno per iniziative di promozione territoriale e turistica come il ‘Treno Natura’. Il percorso misto tra ferrovia e ciclovia, grazie al collegamento con la ciclovia prevista sulla costa tirrenica, permetterebbe di riscoprire durante tutto l’anno un territorio a cavallo fra le province di Siena e Grosseto ricco di natura, arte, storia e sapori tipici, incentivando forme di mobilità dolce e di turismo sostenibile sempre più diffuse e che possono attrarre nuovi visitatori anche sul nostro territorio”. 

“Il Comune di Roccastrada - aggiunge Rabazzi - sta lavorando da tempo per valorizzare le potenzialità turistiche del territorio e promuovere le eccellenze locali anche attraverso forme di turismo slow, attento al paesaggio e a tutte le sue ricchezze, dal patrimonio ambientale a quello storico-culturale ed enogastronomico. Per questo motivo, abbiamo colto l’opportunità di essere coinvolti nel progetto per la ciclovia Asciano-Monte Antico, al centro di uno studio di fattibilità che prenderà il via nei prossimi mesi con il coinvolgimento e il supporto degli enti locali coinvolti e il sostegno fondamentale della Regione Toscana, che ha creduto nel progetto e sta investendo risorse per la sua realizzazione”. 

Azioni sul documento