Tu sei qui: Home Il monumento al minatore torna a vivere grazie all’Auser di Ribolla

Il monumento al minatore torna a vivere grazie all’Auser di Ribolla

Sabato 29 aprile, alle 17, la cerimonia saluterà anche l’adozione della scultura da parte dell’associazione, che ha sostenuto la riqualificazione insieme al Comune

Monumento al minatore italiano - Ribolla

L’Auser di Ribolla adotterà il Monumento al minatore italiano collocato nella frazione roccastradina, in via del Parco, a perenne memoria della storia mineraria locale. A sancire l’iniziativa sarà la cerimonia in programma sabato 29 aprile, alle ore 17, che saluterà anche la riqualificazione del monumento sostenuta dall’Auser di Ribolla e dal Comune di Roccastrada, conclusa a pochi giorni dalle celebrazioni ufficiali dedicate al 63esimo anniversario della tragedia mineraria di Ribolla, avvenuta il 4 maggio 1954. La cerimonia sarà seguita da un rinfresco preparato dall’Auser di Ribolla nella propria sede, in via Liguria, con piatti tipici del territorio. 

Il monumento al minatore italiano, realizzato e collocato nel 1984, fu fortemente voluto da Mendes Masotti - figura istituzionale e sociale legata alla storia e allo sviluppo della frazione roccastradina - per rendere omaggio alle 43 vittime dell’esplosione nella miniera di gas grisou avvenuta il 4 maggio 1954 a Ribolla e a tutti i minatori che hanno perso la vita sul lavoro nel corso degli ultimi decenni. Il monumento porta la firma di Vittorio Basaglia, insegnante all'Accademia di belle arti di Urbino e all'Accademia di belle arti di Venezia e autore anche della scultura di Marco Cavallo, il grande animale azzurro che nel 1973 ruppe i muri del manicomio di San Giovanni di Trieste diventando il simbolo di una rivoluzione in ambito psichiatrico e politico. 

“Il monumento al minatore - afferma Francesco Limatola, sindaco di Roccastrada - rappresenta la testimonianza concreta del legame che unirà, per sempre, Ribolla alla sua storia mineraria. Una storia che ha determinato lo sviluppo economico e sociale del nostro territorio per tanti anni e che ha vissuto un momento drammatico il 4 maggio 1954, segnando per sempre la comunità locale. Dal 1984, anno della sua collocazione, questo monumento ci ricorda ogni giorno tutto questo ed è lì che tutti gli anni ricordiamo le 43 vittime di Ribolla e tutti coloro che hanno perso la vita sul lavoro e, in particolare, nelle miniere. A pochi giorni dalle celebrazioni del 63esimo anniversario della tragedia del 1954, siamo lieti di salutare la riqualificazione del monumento al minatore ristrutturato e valorizzato e la sua adozione da parte dell’Auser di Ribolla. L’associazione, da sempre presente e attiva nel tessuto associativo locale, saprà prendersi cura, dopo averla riqualificata, di questa scultura dal profondo valore storico, sociale e culturale per tutta la frazione”. 

Azioni sul documento