Il Comune di Roccastrada si impegna nella ricerca di fondi extra-comunali

Avanzata la richiesta di finanziamento sul fondo della montagna

Il Comune di Roccastrada prosegue la propria attività di ricerca fondi
extra comunali per la effettuazione di investimenti. Sono state
trasmesse infatti alcuni giorni fa alla Regione Toscana, le schede
progettuali con le quali l'Amministrazione Comunale di Roccastrada ha
avanzato la richiesta di finanziamento sul fondo della montagna, al
quale vengono ammessi comuni con territorio interamente o parzialmente
montano.
Ogni ente può presentare due proposte progettuali di cui una prioritaria
ed una di riserva. E infatti due sono le schede progettuali presentate
dal Comune di Roccastrada: l'intervento prioritario riguarda i lavori di
adeguamento antincendio e miglioramento energetico dell'edificio che
ospita la scuola secondaria di primo grado a Roccastrada per un
investimento complessivo di 100.000 € di cui gli eventuali 40.000 €
finanziati dalla Regione ai quali verranno aggiunti ulteriori 60.000 €
previsti nell'elenco annuale delle opere pubbliche per l'anno 2014;
l'intervento di riserva prevede la riqualificazione e l'ampliamento
della pubblica illuminazione in Roccastrada capoluogo e nella frazione
di Sassofortino per un investimento complessivo di 45.000 €.
Il Comune di Roccastrada è individuato nell'elenco dei comuni
parzialmente montani e per questo motivo può richiedere l'accesso al
fondo regionale per la montagna che è riservato per una cifra di 800.000
€ ai comuni montani o parzialmente montani non inseriti nelle Unioni di
Comuni.
La norma stabilisce che i Comuni montani possono accedere al Fondo
attraverso la presentazione di 1 progetto di investimento per la
realizzazione di interventi localizzati esclusivamente in zona
classificata montana. E’ ammessa la presentazione anche di 1 progetto di
riserva che potrà essere finanziato in caso di disponibilità di risorse.
L'importo massimo finanziabile per ciascun progetto non potrà essere
maggiore di 40.000,00 euro e Il finanziamento non può superare il 90 per
cento del costo complessivo del progetto stesso.
La realizzazione dei progetti ammessi dovrà avvenire entro trentasei
mesi dall’erogazione dell’anticipazione delle risorse finanziarie.
Non resta che attendere l'istruttoria delle domande da parte della
Regione Toscana che dovrebbe fornire un responso entro la prossima
primavera.