Il Sindaco di Roccastrada Innocenti protagonista a Milano nella giornata dei Comuni d’Italia per Expo 2015

Presenti i sindaci delle grandi città di Italia e la Presidente della Camera Boldrini

A meno di due anni dall’EXPO 2015, in collaborazione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Comune di Milano ed EXPO Milano 2015, ha promosso la giornata nazionale “I Comuni d’Italia per EXPO tenutasi a Milano, presso la sala Alessi di Palazzo Marino, alle ore 15 di lunedì 23 settembre. 
All’evento sono intervenuti, tra gli altri, la Presidente della Camera dei Deputati, Laura Boldrini, il Sottosegretario di Governo con delega all'Expo, Maurizio Martina, il Sindaco di Milano, Giuliano Pisapia e il Presidente dell'ANCI, Piero Fassino.

 Con loro il Commissario unico delegato del Governo all'Expo, Giuseppe Sala, il Commissario per il Padiglione Italia, Diana Bracco e il Direttore Artistico e Ideatore del concept del padiglione Italia, Marco Balich .  
Piero Fassino, Presidente ANCI, invitando i Sindaci all’evento, ha dichiarato che “i Comuni sono pronti a dare il loro contributo ad Expo 2015, affinché l’evento possa costituire un’occasione concreta per mostrare ai visitatori provenienti da tutto il mondo le eccellenze italiane e per concorrere così allo sviluppo dell’intero sistema Paese. L’incontro del 23 settembre a Milano e’ stata l’occasione per dare il via a questo percorso, che ancora una volta dimostrerà come i Comuni sono i protagonisti del rilancio del Paese”.
Maurizio Martina, Sottosegretario di Stato con delega all’Expo l ha evidenziato che “dopo il Forum delle Regioni del 1 luglio, il grande appuntamento con i Comuni italiani del 23 settembre a Palazzo Marino completa la prima fase di lavoro di questi mesi volta a rendere i Comuni e le Regioni protagonisti di Expo 2015. Proprio i Comuni saranno sempre più attori decisivi per coinvolgere l’intero sistema Paese in questa grande sfida.”

   A rappresentare la Toscana era presente Giancarlo Innocenti Sindaco di Roccastrada  questo il suo intervento:

 

Grazie, Buonasera a tutti,

io rappresento la Toscana, le terre di Toscana ed in particolare la Maremma e le aree interne. Ringrazio il Presidente Piero Fassino per essersi adoperato anche in questa circostanza ed in questo consesso, ad abbattere quella barriera di solitudine e di isolamento in cui quotidianamente operano i sindaci, e spero che la Presidente della Camera Laura Boldrini faccia altrettanto per avvicinare i livelli istituzionali che reciprocamente rappresentiamo.

 E veniamo al tema del nostro incontro; “ Nutrire il pianeta –Energia per la vita”.

 E’ mia convinzione che il mondo e’ onnivoro: si nutre di bombe a mano, di sangue, di rifiuti, di petrolio, qui viva dio, ci promettiamo di nutrirlo nel senso più nobile della parola, con il cibo, ed in tale contesto come Toscana abbiamo molte cose da dire e da offrire.

 Partendo dalle nostre 37 doc, 11 IGP, 13 Dop, 8 Docg, 6 Igt siamo in grado di offrire davvero prodotti di alta qualità.

 Ci sentiamo tuttavia impegnati a qualificare ulteriormente la nostra offerta individuando nell’Expo 2015 il motore per realizzare il progetto che potremmo definire “Fare senso”. Fare senso nel vero senso della parola, quello cioè di stimolare i cinque sensi.

 Farlo con il gusto e l’olfatto è relativamente semplice, sappiamo confezionare i nostri prodotti, li esportiamo e possono essere consumati in tutto il mondo, mantenendo sapore ed odore. Per inciso l’Expo 2015 è una buona occasione per stringere buoni accordi con i paesi partecipanti per tutelare i nostri prodotti e contrastare più efficacemente la pirateria agro-alimentare. Ma quando si parla di vista, di udito e di tatto non può essere più il cibo ad incontrare il mondo ma è il mondo che deve andare incontro al cibo per non privarsi del valore aggiunto che deriva dalla vista dei nostri paesaggi, dei silenzi dei nostri territori, del toccare con mano come tradizione e buone abitudini alimentari divengano una componente della qualità della vita.

 Per questo la Toscana pensa e lavora per costruire una proposta fatta di itinerari sul territorio e di eventi legati a queste peculiarità locali che stiamo studiando su come presentare in maniera innovativa. Mi pare che questo possa essere il modo per implementare il concepì da Marco Balich “ Spazio al vivaio Italia”.

 Come Sindaco allora sogno di ostentare nel vivaio Italia anche i 7 centenari che ho festeggiato dall’inizio del mio mandato, quale testimonianza di longevità e di qualità della vita. Non intendo con questo erigere un monumento alla senilità ma se acquisiamo tutto ciò come un valore daremo una risposta adeguata anche a quei giovani che scalpitano e meritano più adeguatezza nelle risposte occupazionali ed alla loro capacità intellettuale.

 Grazie

 Giancarlo Innocenti

Sindaco di Roccastrada