L’estate continua fra tradizione e sapori tipici con la Sagra del Porcino e il Palio storico dei ciuchi

Dal 12 al 15 e dal 18 al 21 agosto torna la Sagra del Porcino, accanto alla Sagra del Maccherone in corso a Sassofortino. Domenica 14 agosto spazio alle tradizioni a Roccatederighi con la rievocazione dell’antica giostra dei sestieri

Tradizioni e sapori tipici continuano ad animare senza sosta l’estate a Roccastrada e nelle sue frazioni, grazie alle numerose e dinamiche associazioni presenti sul territorio. Da venerdì 12 a lunedì 15 agosto nel capoluogo si rinnova l’appuntamento con la Sagra del Porcino, con replica da giovedì 18 a domenica 21 agosto, che andrà ad affiancare la Sagra del Maccherone, in corso fino a lunedì 15 agosto a Sassofortino. Spazio alle tradizioni, invece, a Roccatederighi, dove domenica 14 agosto torna il Palio storico dei ciuchi. Tutti gli appuntamenti fanno parte del cartellone unico di eventi “…a Roccastrada d’estate”, promosso dall’amministrazione comunale con la collaborazione delle associazioni.

La Sagra del Porcino, organizzata e promossa dall’ASD Polisportiva Roccastrada, si svolgerà come ogni anno in località Campo ai Noci e proporrà tutte le sere, a partire dalle ore 19, piatti tipici della cucina maremmana esaltati dal fungo porcino e accompagnati da animazione e musica dal vivo. La Sagra del Porcino si unisce alle altre feste ecoattente che hanno animato e stanno animando l’estate roccastradina con l’utilizzo di stoviglie biodegradabili e una crescente sensibilità per la tutela ambientale e la riduzione dei rifiuti. 

Il Palio Storico dei Ciuchi, invece, animerà il borgo di Roccatederighi con la rievocazione storica dell'antica giostra dei sestieri e vedrà sfidarsi ancora una volta le cinque contrade in cui è suddiviso il borgo per conquistare il drappo dipinto in palio. La corsa degli asini lungo la via principale del paese coinvolgerà le contrade di Corso, Nobili, Torre, Tramonto e Ventosa e sarà preceduta dal corteo storico con dame, cavalieri, signori feudali e rappresentanti di arti e mestieri, oltre all'esibizione del Gruppo Sbandieratori e Tamburini. La “giostra dei sestrieri”, divenuta poi Palio storico dei ciuchi, affonda le sue radici nel lontano 14 agosto 1295, quando venne corsa per festeggiare il matrimonio tra Binda, figlia di Mino di Bindoccino, e Bartolomeo di Nuccio, figlio di Aldobrandino Saracini Signore di Siena. L’unione sancì la sovranità di Siena su Roccatederighi e da allora la tradizione si ripete ogni anno il 14 agosto. L’appuntamento è promosso dalla Pro Loco di Roccatederighi, con il patrocinio del Comune, e per ulteriori informazioni è possibile contattare il numero 0564-567244, scrivere all’indirizzo e-mail proloco_rocca@hotmail.it oppure visitare il sito www.roccatederighi.eu.