Successo per le attività estive di ‘Spazio ragazzi’ con 80 under 14

I bambini possono usufruire di servizi ludici e didattici, come l’orto sociale per riconoscere e coltivare piante ed erbe. Il sindaco Lamitola e l'assessore Pericci: “Il centro sociale e rurale è un esempio positivo che ha pochi uguali in Toscana”

Sono circa 80 i bambini che, fino ad oggi, hanno partecipato alle attività estive proposte da ‘Spazio ragazzi”, il centro sociale rurale di Roccastrada, gestito da Coeso Società della Salute Grossetana in collaborazione con il Comune. Le attività, dedicate ai ragazzi dai 6 ai 14 anni, continueranno fino al 28 agosto con la possibilità di usufruire di servizi ludici e didattici variegati e differenziati per età, ma anche di escursioni al mare e di visite guidate nelle aziende agricole del territorio che hanno aderito all’iniziativa: da ‘Il Panierino’ a ‘Pietratonda’ passando per ‘Il Carpine’.

“Dopo l’ampia partecipazione estiva registrata negli anni precedenti – commentano il sindaco di Roccastrada, Francesco Lamitola e l’assessore alle politiche sociali, Sara Pericci – anche quest’anno il Centro si conferma come un punto di riferimento e un sostegno per tutti i genitori che lavorano in estate. Si tratta di un servizio che ampia l’offerta formativa del Comune, già molto ricca e variegata. Basti pensare che Roccastrada riesce a offrire a genitori e studenti la possibilità di usufruire del tempo pieno in tutte le scuole, di un trasporto scolastico capillare e attivo anche durante le attività extrascolastiche; di due asili nido (Ribolla e Roccastrada) e di un servizio bibliotecario efficiente e ampio. Il 10 settembre inoltre inaugureremo a Roccastrada il nuovo centro di aggregazione per ragazzi che ospiterà attività e servizi destinati ai più giovani”.

“Spazio ragazzi”. Il centro è aperto dal lunedì al venerdì ed è attrezzato per lo svolgimento di attività ludiche (biliardino, ping pong, giochi all’aria aperta), didattiche (materiale per attività artistica e agricola) e di agricoltura sociale con l’orto e la possibilità di partecipare alle piccole coltivazioni e alla cura degli alberi da frutto.