Tu sei qui: Home Nella Giornata della Memoria doppio appuntamento alla Porta del Parco di Ribolla

Nella Giornata della Memoria doppio appuntamento alla Porta del Parco di Ribolla

Venerdì 27 gennaio, al mattino, proiezione per le scuole del film “Il lupo”, con la regia del giovane Lorenzo Antonioni. Alle 17.30 Alessia Bettonte presenta la sua raccolta di poesie “Parole Senza Senso”

Porta del Parco Ribolla

Doppio appuntamento, venerdì 27 gennaio, alla Porta del Parco di Ribolla. In occasione della Giornata della Memoria, istituita per ricordare le vittime dell'Olocausto, l'ex cinema Mori ospita la proiezione del film “Il Lupo” del regista Lorenzo Antonioni e la presentazione del libro "Parole senza senso". 

La proiezione del film "Il lupo" è rivolta a tutte le classi delle scuole medie di Ribolla e avrà inizio alle 10.30. Il film è  frutto di un approfondimento del progetto formativo “Del lupo non ebbi paura”, sviluppato da alcuni alunni del Polo “Bianciardi” di Grosseto insieme alla professoressa Laura Ciampini, che ha curato anche il soggetto e la sceneggiatura del film di Lorenzo Antonioni, studente che frequenta la classe quinta dell'istituto grafico di Grosseto. “Il lupo” racconta l'amicizia tra Albert e Sandro all'interno del campo di internamento di Roccatederighi (Roccastrada). Albert e Sandro, infatti, sono due piccoli prigionieri che temono un lupo, che si aggira nei boschi intorno alla struttura. L'animale diventa simbolo e presagio di un pericolo ben più grande che incombe sui due bambini. Il soggetto nasce dalla testimonianza di uno dei sopravvissuti ed ha già ottenuto molti riconoscimenti tra cui il premio Regione Toscana del concorso “I giovani ricordano la Shoah”, promosso dal Miur nel 2015, per la sceneggiatura. 

Presentazione di “Parole senza senso”. La giornata della Porta del Parco di Ribolla prosegue alle 17.30 con la presentazione del libro “Parole senza senso” di Alessia Bettonte (Innocenti Editore). Una raccolta  di “parole senza senso”, come le definisce l'autrice, che invece hanno un profondo significato autobiografico: con il volume, infatti, l'autrice racconta una vita difficile, ma che la poesia rende più lieve. ll libro è dedicato ai propri figli. Dialoga con l'autrice, Alessia Bettonte, Gabriella Pizzetti, animatrice della Porta del Parco. 

Fonte: Ufficio Stampa Coeso Sds

Azioni sul documento